Suzuki Rally Cup: Andrea Scalzotto e Nicola Rutigliano conquistano l’Isola d’Elba

41-rally-cup-post-rally-elba-1-– I vicentini della Funny Team si aggiudicano il secondo round del Girone WRC della Suzuki Rally Cup 2019;

– Al termine di una gara combattuta si classificano secondi l’aostano Goldoni e il piemontese Garella;

– Terzi al traguardo di Portoferraio i trentini Pellè e Luraschi, che proseguono l’inseguimento al vertice della classifica generale;

– In Puglia, con il Rally del Salento in programma a fine maggio, ci sarà il prossimo appuntamento con il Girone delle gare in abbinamento al Campionato Italiano WRC.

41-rally-cup-post-rally-elba-2-Crescono le quotazioni di Andrea Scalzotto all’interno della Suzuki Rally Cup: al secondo anno di partecipazione al trofeo monomarca Suzuki, il vicentino si sta ritagliando uno spazio sempre più importante segnalandosi come uno dei maggiori protagonisti del campionato. Al volante della SWIFT 1.6 Sport R1B nei colori della Funny Team, Scalzotto vede crescere le proprie prestazioni, di pari passo all’aumentare dell’esperienza acquisita con la vettura. Il ventenne sta infatti raccogliendo i frutti dell’intensa stagione che lo vede partecipare alle gare di entrambe le serie WRC e CIR.  Al Rallye Elba recentemente disputato, Scalzotto ha conseguito la prima vittoria stagionale, assieme al navigatore Nicola Rutigliano. Nella particolare gara elbana, caratterizzata da asfalti scivolosi e con limitato “grip”, il veneto è passato al comando dalla seconda prova speciale, superando di misura l’astigiano Emanuele Rosso, vincitore della prima frazione. Da quel momento, Scalzotto non ha più lasciato spazi di rimonta agli avversari, tagliando per primo il traguardo di Portoferraio, davanti all’aostano Simone Goldoni, che a bordo della SWIFT 1.0 Boosterjet si conferma comunque al comando della classifica generale del monomarca del “WRC”. Con l’affermazione all’Elba, Scalzotto sale al secondo posto del ranking davanti al trentino Roberto Pellè, che si piazza terzo sull’isola, in attesa di ritrovare le prestazioni velocistiche delle quali è stato capace nel passato. Bravo a scattare davanti tutti nella prova d’apertura della gara toscana, Emanuele Rosso non è più riuscito a ripetersi negli impegni successivi, soprattutto nei passaggi notturni, scalando in quarta piazza ma centrando il miglior risultato stagionale. In una classifica generale ancora “corta” nei distacchi delle singole posizioni, è quarto Marco Longo, dopo essersi classificato al quinto posto al rally livornese, precedendo Andrea Pollarolo, Spreafico, Gozzoli, Schileo e Lunelli.

Classifica Suzuki Rally Cup al Rallye Elba:

  1. Scalzotto e Rutigliano (Suzuki SWIFT 1.6 Sport – Funny Team) in 1h30’41.3;
  2. Goldoni e Garella (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet – Nordovest Racing) a 37;
  3. Pellè e Luraschi (Suzuki SWIFT 1.6 Sport – Destra 4) a 50.2;
  4. Rosso – D’Ambrosio (Suzuki SWIFT 1.6 – Meteco Corse) a 59.2;
  5. Longo e Conci (Suzuki SWIFT 1.6 Sport – Destra 4) a 3’11.8;
  6. Pollarolo e Pozzoni (Suzuki SWIFT 1.6 Sport – Novara Corse) a 3’42.5;
  7. Spreafico e Frigerio (Suzuki SWIFT 1.6 Sport – Scuderia Abs Sport) a 7’04.7;
  8. Gozzoli e Brovelli (Suzuki SWIFT .16 Sport – Solferino Rally) a 10’37.4;
  9. Schileo e Furnari (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet – Wrt – Winners Rally Team) a 11’11.2;
  10. Lunelli – Morelli (Suzuki SWIFT 1.0 Boosterjet – Pintarally Motorsport) a 12’33.2.

Classifica Suzuki Rally Cup, Girone WRC.

Piloti: 1. Goldoni Simone punti 36; 2. Scalzotto Andrea 33; 3. Pellè Roberto 29; 4. Longo Marco 16; 5. Pollarolo Andrea 13; 6. Cominelli Ivan e Rosso Emanuele 10; 8. Spreafico Enrico 9; 9. Coppe Lorenzo 7; 10. Lunelli Rino e De Antoni Edo 5; 12. Gozzoli Stefano 5; 13. Cocino Ivan e Schileo Nicola 4.

Navigatori: 1. Garella Flavio punti 36; 2. Rutigliano Nicola 33; 3. Luraschi Giulia 29; 4. Conci Matias 16; 5. Pozzoni Alessandra 13; 6. Fieni Igor 10; 7. Frigerio Giovanni 9; 8. Poloni Giacomo 7; 9. Morelli Valentino 5; 10. Argenta Nicola 5; 11. Furnari Gianguido e Colla    Giorgia 4.

Il calendario della serie monomarca prevede sei gare nell’ambito del Campionato Italiano Rally:

22 – 23 marzo: 42° Rally il Ciocco e Valle del Serchio;

12 – 13 aprile: 66° Rally di Sanremo;

10 – 12 maggio: 103° Targa Florio;

19 – 21 luglio: Rally Roma Capitale;

30 – 31 agosto: 55° Rally del Friuli;

11 – 12 ottobre: Rally 2 Valli.

Sei le gare nell’ambito del Campionato Italiano WRC:

20 – 30 marzo: 43° Rally 1000 Miglia;

26 – 27 aprile: 52° Rally dell’Elba;

31 – 1 giugno: 52° Rally del Salento;

29 – 30 maggio: 36° Rally Marca Trevigiana;

27 – 28 luglio: Rally di Alba;

14 – 15 settembre: 39° Rally San Martino di Castrozza.

Finalissima ad assegnare la Suzuki Rally Cup 2019 in programma nei giorni 25 -26 ottobre, in occasione del 38° RALLY Trofeo ACI Como.

ALBO D’ORO TROFEI RALLY SUZUKI

SUZUKI RALLY CUP: 2008 Roberto Sordi; 2009 Andrea Crugnola; 2010 Milko Pini; 2011 Claudio Gubertini; 2012 Damiano Defilippi; 2013 Paolo Amorisco; 2014 Alessandro Uliana; 2015 Marco Capello; 2016 Corrado Peloso; 2017 Simone Rivia, Under 25 Giorgio Cogni; 2018 Corrado Peloso

stardrivers.tv

La nuova Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport include parti della carrozzeria in fibra naturale

Stoccarda. A tre anni dal debutto in anteprima della prima Cayman GT4 Clubsport, Porsche presenta ora il suo successore: la nuova 718 Cayman GT4 Clubsport rappresenta l’evoluzione successiva del già acclamato modello sviluppato a Weissach. Per la prima volta, l’auto da corsa con motore centrale viene proposta dal Costruttore in due versioni: il modello “Trackday” per i non professionisti appassionati di gare automobilistiche e la variante “Competition” per le competizioni nazionali e internazionali. Durante lo sviluppo della nuova 718 Cayman GT4 Clubsport, i tecnici non si sono concentrati soltanto sul miglioramento della maneggevolezza della vettura e dei tempi sul giro, ma anche su una maggiore sostenibilità delle materie prime utilizzate. La 718 Cayman GT4 Clubsport è la prima auto da corsa di produzione a includere parti della carrozzeria realizzate in materiali compositi contenenti fibre naturali. Le portiere del pilota e del co-pilota così come l’alettone posteriore sono stati costruiti utilizzando un composto di fibre organiche ricavate principalmente da sottoprodotti agricoli quali le fibre di lino e di canapa che hanno proprietà simili alla fibra di carbonio in termini di peso e rigidità. La 718 GT4 Clubsport è alimentata da un propulsore flat-six da 3,8 litri in grado di sviluppare una potenza di 313 kW (425 CV). Questo motore è di 40 CV più potente rispetto al suo predecessore. La potenza viene trasferita alle ruote posteriori per mezzo di un cambio a doppia frizione Porsche a sei rapporti con differenziale meccanico posteriore autobloccante. La presenza di elementi alleggeriti nelle sospensioni anteriori è stata ripresa dalla “sorella maggiore”, la 911 GT3 Cup. Il notevole impianto frenante specifico per le corse include su tutte le ruote dischi dei freni in acciaio con diametro di 380 millimetri. Con un peso complessivo di 1.320 chilogrammi, la 718 Cayman GT4 Clubsport, fornita dal Costruttore completa di scocca di sicurezza saldata, sedile avvolgente da corsa e cinture di sicurezza da gara a sei punti, può considerarsi una super-leggera a tutti gli effetti. La variante base “Trackday” è stata sviluppata per i piloti amatoriali che desiderano partecipare a eventi privati su circuito e organizzati da club sportivi senza grande sforzo ed esborso. La vettura è dotata di ammortizzatori a taratura fissa che, insieme ai sistemi di assistenza ABS ed ESC di Controllo Elettronico della Stabilità – disattivabili all’occorrenza – e al controllo trazione, garantiscono una guida al limite estremamente indulgente. Sono inoltre forniti di serie l’impianto di condizionamento dell’aria, il portello di salvataggio nel tetto, un estintore portatile e un serbatoio di sicurezza da 80 litri omologato FT3. L’assistenza per questa vettura non omologata per l’utilizzo su strada viene fornita presso tutti i Centri Porsche. La 718 Cayman GT4 Clubsport “Trackday” viene proposta a 134.000 euro + IVA (aliquote IVA variabili a seconda del mercato di distribuzione). Il modello “Competition” include tutta una serie di dettagli specifici per le gare automobilistiche. Gli ammortizzatori offrono tre livelli di regolazione. Il serbatoio di sicurezza con capacità pari a 115 litri è adatto alle gare con lunghe percorrenze. Grazie al sistema di bilanciamento dei freni è possibile regolare continuamente l’eventuale sbilanciamento fra asse anteriore e posteriore. Un sistema integrato di martinetti idraulici assicura soste ai box di durata ridotta. Il volante da corsa a sgancio rapido ‘ereditato’ dalla 911 GT3 R offre una serie di opzioni di regolazione in grado di soddisfare le esigenze specifiche dei singoli piloti. Un’ulteriore dotazione di sicurezza specifica per le gare su circuito è costituita dall’impianto automatico di estinzione incendi. La 718 Cayman GT4 Clubsport “Competition” viene commercializzata a 157.000 euro + IVA (aliquote IVA variabili a seconda del mercato di distribuzione). “Indubbiamente la nuova Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport ha un numero di geni da competizione di gran lunga superiore a quelli del suo famosissimo predecessore,” ha commentato Fritz Enzinger, responsabile della divisione Motorsport di Porsche. “La potenza del propulsore è aumentata considerevolmente. Al tempo stesso siamo riusciti a incrementare la deportanza e a rendere l’abitacolo ancora più adeguato alle esigenze dei piloti. Sono certo che potremo inoltre sfruttare il successo e gli eccellenti risultati di vendita del modello precedente, di cui abbiamo consegnato 421 esemplari.” Entrambe le versioni sono ordinabili sin da ora e saranno pronte per la consegna ai team e ai piloti di tutto il mondo a partire dal mese di febbraio.