3° Rally Ronde di Sperlonga 2011 in onda dal 3 febbraio su STAR DRIVERS


Un grande spettacolo e tante emozioni nella Ronde di Sperlonga competizione che ha visto al via ben 109 equipaggi, un grande risultato considerando che la stagione è al capolinea. Vittoria sudata per Claudio De Cecco in coppia con Jean Campies con la Citroen Xara WRC dopo un testa a testa con il due volte vincitore della gara pontina Luca Ferri con la Focus ’07 WRC della Procar. Chiudevano il podio Missaglia-Bordin. Renato Travaglia in gara con Alessandro Montermini chiudeva al quinto posto e vincendo la classe S20terminando il suo test per la Jokoama. Una gara quella pontina che ha visto gli equipaggi sfilare sabato sera sul lungomare di Sperlonga in un clima
di festa, tra musica e balli sudamericani. L’indomani mattina, alle ore otto è iniziata la sfida con il cronometro lungo i dieci chilometri della prova speciale allestita dalla Sperlonga Racing lungo il tratto di strada de “La Magliana”. Il primo passaggio si è svolto per la gran parte con il fondo asciutto, sul finire la pioggia ha fatto capolino e per tutta la giornata ha reso il fondo umido e quindi pieno di insidie per gli equipaggi in gara.
Questa la cronaca della gara.
Dopo il primo passaggio, Luca Ferri (Focus WRC) due volte vincitore della gara pontina, faceva subito sentire la sua voce, staccando il miglior tempo, precedendo il friulano De Cecco (Xara WRC) staccato di 3,5 secondi e Missaglia (Focus WRC) di oltre otto secondi, molto attardato Renato Travaglia con la Fiesta S2000. Il primo giro vedeva gli equipaggi partire sotto un cielo coperto, con una parte degli equipaggi che affrontavano il tratto cronometrato con il fondo in parte bagnato. La top ten del primo passaggio faceva registrare delle sorprese, con tre S2000 nelle prime posizioni: Ugo Moroni (Grande Punto) era quinto quasi 17’’ dal primo, seguito da Gianluca D’Alto con una vettura analoga, bene il ceccanese Mattone con la Focus WRC, grande prestazione del siciliano Armaleo (Clio R3C) che ‘staccava’ un tempone che gli valeva l’ottava piazza, chiudevano la top ten Minchella (Peugeot 207 S20) e Luca Corsetti con la Mitsubishi Evo IX della Pro Race. Nelle Classi, Rotondi-Manzelli ottenevano il miglior tempo tra le S16, Di Giovanni-Bianchi (FA7), Ivano Zoffranieri in coppia con V. Roma (N3), Trotta-Lepore (FA6), De Maio-Gerardi (A6), Grudina-Calligaro (R3T) con la nuovissima Citroen DS3. Al termine del primo dei quattro passaggi sui dieci chilometri della prova speciale “La Maglaiana”, risultavano classificati 99 mentre i ritirati erano otto.
Il secondo passaggio sul tratto cronometrato de “La Magliana” faceva registrare il successo di Claudio De Cecco, che al volante della sua biancorossa Citroen Xara WRC precedeva il trentino Renato Travaglia (Fiesta S20) staccato di due secondi e mezzo, terzo tempo per Luca Ferri (Focus WRC), davanti a Smiderle e Missaglia in gara con delle vetture analoghe, per il resto il trio composto da Moroni, D’Alto (entrambi con una Grande Punto S20) e Mattone (Focus ’01 WRC), chiudeva la top ten Marco Cassarà con l’altra Fiesta S20 della Pro Race, bene Armaleo (Clio R3C) che manteneva il contatto con la testa della gara, confermandosi ‘siciliano volante’. Nella classifica generale restava tutto immutato per le posizioni di vertice, mentre, migliorava la sua posizione Renato travaglia che risaliva al dodicesimo posto, dopo i problemi accusati nel primo passaggio. Il secondo dei quattro passaggi, risultava più lento del precedente, in
considerazione della pioggia che dal secondo intermedio ‘accompagnava’ gli equipaggi fino al termine della prova. Sul finale la stessa subiva uno stop per una vettura (101) che intraversandosi ostruiva la carreggiata, tale fatto costringeva la direzione gara a mandare in trasferimento gli altri equipaggi. Dopo il secondo passaggio, risultavano ritirati 17 equipaggi, in gara restavano così 90 coppie. Il friulano De Cecco non mollava è proseguiva nell’attacco a Luca Ferri conquistando nel terzo passaggio la testa della gara nel terzo passaggio. Secondo successo infatti della coppia De Cecco-Campies (Citroen Xara WRC) nei confronti del leader provvisorio Ferri nel terzo passaggio che per soli 0.3 si vedeva superato dal suo diretto avversario, sorpasso, che gli costava la leadership della gara. Alla luce di quanto è emerso dai riscontri cronometrici, la vittoria finale dovrebbe essere una sfida a due tra i due equipaggi. Il terzo passaggio vedeva sul terzo gradino del podio l’equipaggio Missagna-Bordin (Focus WRC), bene Travaglia che proseguiva nella sua risalita nelle zone nobile della classifica, quarto tempo e settimo posto nell’assoluta. La graduatoria del terzo passaggio vedeva nell’ordine: Smiderle-Barigelli (Focus WRC), Minchella-Pizzuti (Peugeot 207 S20), Moroni-Renzetti (Grande Punto S20), Matiz-Pittino (Peugeot 207 S20), Chiecchio-Giatti (Peugeot 207 S20), D’Alto-Fiacco (Grande Punto S20). Il siciliano Armaleo, non mollava il gruppo di testa e risultava ancora una volta il più veloce dei ‘piccoli’ in gara con la Clio R3C della Ferrara Motors. La classifica generale, faceva invece registrare delle novità, De Cecco-Campies balzano in testa, seguiti dalla coppia Ferri-Daddoveri (Focus WRC), terzo posto per Missaglia-Bordin (Focus WRC), seguivano nell’ordine: Smiderle-Barigelli (Focus WRC), Moroni-Renzetti (Grande Punto S20), MinchellaPizzuti (Peugeot 207 S20), Travaglia con Alessandro Montermini alle note occupa il settimo posto con la Fiesta S20 della Pro race, D’Alto-Fiacco (Grande Punto S20), chiudevano la top ten il ‘siciliano volante’ Armaleo-Cannuni (Clio R3C) e il ciociaro Mattone in coppia con Micheli (Focus ’01) decimi. Primi di Classe N4 rimangono la coppia Corsetti-Del Duca (Mitsubishi Evo IX), in S16 ci sono la famiglia Armaleo ad occupare il primo posto. La Classe FA7 vede leader il romano Di Giovanni (Clio), Cappello-Soldà sono invece il primi di N3, davanti ai ciociari Zuffranieri-Roma, Trotta-Lepore erano l’equipaggio primo in FA6. Ora il quarto e ultimo passaggio su “La Magliana” diventa definitivo, ma considerando che il pomeriggio volge a sera, non sarà facile migliorare i tempi del mattino. Dopo il terzo passaggio, risultavano ritirati 19 equipaggi,
in gara restavano così 80 coppie.Il quarto passaggio vedeva Claudio De Cecco (Citroen Xara WRC) vincere con merito la terza ronde di Sperlonga, precedendo di solo un secondo Luca Ferri (Focus WRC). L’ultimo tratto cronometrato vedeva Ferri andare all’attacco di De Cecco, ‘firmava’ il miglior tempo,ma non bastava, perché De Cecco restava leader per un secondo. Terzo posto per Missaglia che completava il successo della Friulimotors. Quarto posto per Smiderle (Focus WRC), al quinto posto risaliva Renato Travaglia che terminava la sua gara test con la Ford Focus S20 della Prorace. Per il resto la gara subiva uno stop per l’intraversamento dell’equipaggio n. 11 Moroni-Renzetti (Grande Punto S20) che ha portato la direzione gara alla sospensione momentanea della prova, poi ripresa e con l’assegnazione del tempo più equo al resto degli equipaggi. Operazione che si completava dopo l’uscita di tutti gli equipaggi inviati in trasferimento nel corso del quarto
prova. Sesto assoluto chiudeva la coppia D’Alto-Fiacco (Grande Punto S20), seguito da Minchella-Pizzuti (Peugeot 207 S20), Armaleo-Cannuni (Clio R3C), il ciociaro Mattone in coppia con Micheli (Focus 01 WRC), chiudeva la top ten Chiacchio-Giatti (Peugeot 207 S20). Successo in FA7 PER Di Giovanni-Bianchi, Corsetti-Fel Duca si aggiudicavano la N4 con la Mitsubishi Evo IX. La Classe N3 era ad appannaggio di Zoffranieri-Roma. La FA6 vedeva vincitore la coppia Bagnoli-Bagnoli. Dopo il quarto passaggio risultavano classificati 76 equipaggi, mentre i ritirati sono stati 33.

Ufficio Stampa
3° Rally Ronde Sperlonga

http://www.rallydisperlonga.it/

http://www.paliotta.it/