Maxi-aumento per benzina e gasolio e la Spagna riduce i limiti di velocità

La crisi libica si fa sentire: Madrid punta a ridurre i consumi e le importazioni. E incentiva i mezzi pubblici

Maxi-aumento per la benzina e il diesel di Eni, che in un sola battuta aumenta i listini di due centesimi al litro. È «l’effetto Libia» che si abbatte così in maniera sempre più pesante sui carburanti nazionali, secondo quanto emerge dalle rilevazioni di Quotidiano Energia. Il market leader, che porta così la verde a 1,536 euro e il gasolio a 1,426 euro, nell’occasione non è però solo, visto che anche Esso e Q8 aumentano entrambi i prodotti di un centesimo.

L’ESEMPIO SPAGNOLO – Il problema non è però solo italiano. Per cercare di limitare i consumi, il governo spagnolo ha deciso che a partire dal 7 marzo la velocità sulle autostrade sarà limitata a 110 chilometri orari, misura che secondo le autorità di Madrid permetterà di diminuire del 15% il consumo di benzina e dell’11% quello del gasolio. Il governo ha anche deciso di abbassare del 7% le tariffe ferroviarie del trasporto regionale, per incentivarne l’uso. Il vicepremier e ministro degli Interni, Alfredo Perez Rubalcaba, ha sottolineato come non vi siano rischi per quel che riguarda le forniture di combustibile, ma che il rialzo del prezzo del petrolio provocato dai disordini nella ragione sta facendo lievitare la spesa pubblica. Ogni 10 dollari di aumento al barile infatti costa 6 miliardi di euro l’anno in più alle casse dello Stato: la Spagna importa circa l’80% dell’energia consumata, il che la rende particolarmente vulnerabile alle fluttuazioni del mercato energetico.

DINAMICA DEI PREZZI – Tornando ai prezzi in Italia, gli aumenti hanno portato le punte massime a superare i picchi di tre anni fa, con la verde che in Campania arriva a costare 1,596 euro/litro (mentre il minimo si registra in Veneto a 1,529 euro/litro). Per il gasolio il valore massimo alla pompa si tocca in Sicilia a 1,469 euro/litro. Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,789 euro/litro registrato nei punti vendita Eni e lo 0,799 euro/litro degli impianti Q8 (0,771 euro/litro le no-logo). All’origine di questa dinamica, l’incertezza sugli approvvigionamenti delle raffinerie che ha scatenato una raffica di aumenti dei prezzi dei prodotti raffinati in Mediterraneo: la benzina ha raggiunto i 975,50 dollari la tonnellata (+11,50), il diesel i 963,25 (poco meno di 20 dollari in più).

«CONTRATTI RISPETTATI» – A rassicurare i mercati petroliferi arrivano dalla Libia alcune dichiarazioni degli insorti contro Gheddafi. Un membro della coalizione che controlla Bengasi ha annunciato che i contratti petroliferi che sono legali e nell’interesse dei cittadini libici saranno mantenuti.

http://www.corriere.it/

Bentley Continental Supersports Convertible Record di velocità sul ghiaccio

Bentley infrange il record di velocità sul ghiaccio alla velocità di 330,695 km/h sulle acque ghiacciate del Mar Baltico. A battere il record è stato il finlandese quattro volte campione del mondo rally Juha Kankkunen che ha guidato una Bentley Continental Supersports convertibile, al largo della costa della Finlandia. Con trazione integrale, 6 litri di cilindrata e i 12 cilindri della Continental Supersport alimentata dai biocarburanti, Juha Kankkunen ha sbriciolato il record sul ghiaccio del 2007 a 321,6 km/h conquistato nello stesso posto dalla Continental GT. Con l’aiuto della propria squadra e con l’esperienza degli ingegneri Bentley, Kankkunen ha vinto la sfida contro temperature inferiori a 30 gradi, bufere di neve improvvise e venti laterali su 16,5 km di lunghezza con 70 centimetri di spessore del ghiaccio marino. Il tentativo di record è stato certificato dai funzionari della Polizia Finlandese sulla media di due prove in direzioni opposte con velocità misurate e ratificato da un rappresentante del Guinness dei primati. Una edizione limitata di soli 100 esemplari di questa Bentley più estrema farà il suo debutto mondiale al Motor Show di Ginevra.